Entrare in una delle centinaia di perreras fa certamente male . Sai che hai limiti , non puoi salvare il mondo e non puoi usare criteri di scelta e devi lasciarti guidare dalla casualità, dal destino o da piccoli accadimenti che avvengono mentre sei li a guardare questa sorta di acquario paradossale dove tanti ” pesciolini” non arriveranno alla settimana successiva. Non puoi avere criteri , non devi avere criteri di scelta , chiedi per certi versi aiuto al destino e lasci cadere lo sguardo su un dettaglio , una parte , un qualcosa , in quel frastuono assordande di latrati, in quell odore di anime che presto se ne andranno via per sempre . Continui a pensare uno per tutti, uno per tutti , per tutti quelli che non posso portare via da qui.
Non puoi guardare negli occhi tutti quei cani , ti farebbero mille buchi nell’ anima e finiresti per soccombere rendendo tutto initule e vano.
Sei li e lo sguardo ti cade su un ventre gonfio con una manciata di capezzoli rosa che sembrano i diademi di una corona sulla testa di una regina.
Apri lo sguardo e vedi il resto di quel cane , una podenca , avra’ a dir tanto un anno e mezzo anche meno e ha dentro di se chissà quante anime destinate anche esse a morire senza nemmeno poter vedere la luce , qui sono 10 i giorni concessi ai cani prima di essere uccisi.
Ora un solo pensiero : lei ora deve uscire da questo posto infame.
Osvalda è fuori , Osvalda è il nome della mamma che non c è piu di una donna che ha accolto in italia altri cani di spagna che sarebbero morti.
I nomi dei cani spesso sono tributi a qualcuno o qualcosa.
Il destino tuttavia ha uno strano senso dell umorismo, cosi Osvalda tre gioni dopo l uscita dalla perrera pareva manifestare sintomi che preludevano al parto ma aveva un liquido scuro e denso che usciva dalla vagina .
Ricovero .
Non c è molto da dire se non la diagnosi , piometra.
I 4 cuccioli che portava in grembo non hanno potuto vedere la luce, malformazioni.
La perrera ha avuto in qualche modo le sue anime.
Osvalda sta bene e aspetta, aspetta qualcuno che voglia avere con se a casa una piccola storia con coda e orecchie, uscita da un posto che va solo verso una direzione , quella del non ritorno.
Adottate Osvalda , uno dei cani di Spagna disprezzati dall’ uomo.                                                                     Affettuosa,gioviale,compatibile con i gatti,insomma..un carattere super!!                                                         Per richieste di informazione o adozione, compilare il modulo di contatto che trovate sotto l’ultima foto.